Studio di Psicologia Clinica
Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Venerdì, 18 Gennaio 2019











Neutralità (dell'analista)

La neutralità è una delle qualità che definiscono l'atteggiamento dell'analista nella cura. L'analista deve essere neutro quanto ai valori religiosi, morali e sociali, cioè non deve dirigere la cura in funzione di un qualsiasi ideale e deve astenersi da qualsiasi consiglio; neutro nei confronti delle manifestazioni transferali, il che viene espresso abitualmente con la formula "non entrare nel gioco del paziente"; neutro infine quanto al discorso dell'analizzato, cioè non deve privilegiare a priori, in base a pregiudizi teorici, un certo frammento o un certo tipo di significato.

Fonte: Jean Laplanche e Jean Bertrand Pontalis, Enciclopedia della psicoanalisi.



Stampa questo articolo


 

Dott.ssa Maria Anna Spaltro
Via Sebino, 32/A - 00199 Roma - Telefono 06 85.43.923 - info@psicologia-roma.it
P.IVA 04461411003 - Ordine Psicologi Lazio n. 4455


2001-2019 Tutti i diritti riservati

Realizzazione siti web 2open